|

Area News

marted́ 21 maggio 2019

BIA predice i risultati della dieta

Insieme ai test di esercizio cardiopolmonare

Si possono predire i risultati del trattamento dell'obesità? Secondo uno studio recente, sì, attraverso l’impedenza bioelettrica (BIA) e il test di esercizio cardiopolmonare (CPET).

I ricercatori hanno confrontato i risultati di BIA e CPET in individui obesi e magri, valutandone i cambiamenti durante il trattamento dell'obesità e identificando i parametri che prevedono il risultato del trattamento.

Hanno arruolato 200 pazienti obesi, di cui 45 sottoposti a un trattamento di modifica dello stile di vita e 32 individui magri (controlli). Le modifiche dello stile di vita includevano la dieta, la riabilitazione, l'educazione e la terapia comportamentale. La terapia alimentare era basata sulla composizione corporea valutata dalla BIA e sul metabolismo dei grassi valutato da CPET. L'intensità dell'esercizio nel programma di riabilitazione era basata su CPET, principalmente con il picco di assorbimento dell'ossigeno (VO2peak), il metabolismo dei grassi (FAT) e la frequenza cardiaca del grasso (FAT HR). La durata del protocollo era di 12 settimane.

I pazienti obesi erano diversi da quelli magri per quanto riguarda il VO2peak (P <0,0001), l'assorbimento di ossigeno alla soglia anaerobica (P <0,0002), il rapporto di scambio respiratorio (P <0,014), l'assorbimento di ossigeno alla pendenza della velocità di lavoro (P <0,0004), FAT (P <0,001), FAT HR (P <0,0008), frequenza cardiaca anaerobica di soglia (P <0,0003), nonché massa grassa (P = 0,01), massa magra (P = 0,007), tasso metabolico a riposo (RMR) ) (P = 0,007), acqua corporea totale (P = 0,01) e acqua extracellulare (P = 0,004). Il trattamento ha comportato un aumento di RMR (P <0,02) e VO2peak (P <0,002), nonché ridotto il tessuto adiposo (P <0,006) e la frequenza cardiaca a riposo (P <0,017).

Il modello di predizione basato su FAT HR, frequenza cardiaca a riposo e FAT ha permesso di prevedere i risultati del trattamento nel 92% dei pazienti.

I pazienti obesi presentavano FAT patologico e ridotta tolleranza all'esercizio. Le modifiche apportate a BIA e CPET dimostrano l'impatto metabolico del trattamento di modificazione dello stile di vita.

Leggi l’articolo originale in full text
 

Autori: Gruchała-Niedoszytko M, Niedoszytko P, Kaczkan M, Pieszko M, Gierat-Haponiuk K, Śliwińska A, Skotnicka M, Szalewska D, Małgorzewicz S.
Fonte: Pol Arch Intern Med. 2019 Apr 30;129(4):225-233. doi: 10.20452/pamw.4480.
Link della fonte: https://www.mp.pl/paim/issue/article/4480
 
Terapia alimentare Dietosystem.

La modalità operativa prevede la massima interazione: il professionista può intervenire, consultando e modificando la dieta proposta dal software secondo il proprio intento. La Terapia Alimentare condivide i dati rilevati dai moduli specialistici della diagnostica di stato nutrizionale, quali l’anamnesi alimentare, i parametri antropometrici e impedenziometrici, i parametri metabolici e di comportamento alimentare, l’anamnesi personale e familiare e gli esami ematochimici.

Lo scopo è quello di conseguire una terapia dietetica basata sulla diagnostica globale, ma anche finalizzata al potenziamento delle terapie coadiuvanti, quali la farmacoterapia, l’esercizio fisico e i trattamenti estetici.

Contattaci per saperne di più

Anche in versione ON DEMAND! Paghi solo le prestazioni che usi. Interessante, vero?